Wednesday, May 16, 2018

Economia Civile: incontro con Enrico Fontana

 vedi

Il movimento Sezze Bene Comune prosegue la serie di incontri dal titolo “ Bene Comune l’Italia”. Filo conduttore è ciò che sta accadendo in Italia dal punto di vista politico e sociale e cosa fare per delineare un orizzonte al cammino del nostro Paese verso l’affermazione del diritto ai beni comuni.
Dopo gli incontri con la parlamentare Rossella Muroni e con la sottosegretaria Sesa Amici, il 17 maggio alle ore 18,00 la sede del movimento Sezze Bene Comune ospita Enrico Fontana che offrirà come spunto di riflessione l’Economia Civile.
L’economia civile può essere la leva di un cambiamento profondo per uscire dalla crisi creando valore e lavoro; costruendo un nuovo mercato ecologico, giusto e condiviso; rilanciando la partecipazione dei cittadini; promuovendo nuovi percorsi e nuovi spazi di democrazia.
Una nuova economia capace di superare l’odierna organizzazione dei mercati e la dicotomia “profit- non profit”, dunque aperta al ruolo fondamentale della cittadinanza attiva e delle imprese responsabili. L’apporto del sistema imprenditoriale e finanziario è necessario per non rinchiudersi nel recinto del “piccolo è bello”, che non è in grado di modificare la realtà in cui viviamo. Fare impresa e finanza sarà dunque decisivo solo se queste genereranno valore sociale, ambientale ed economico, sia per le aziende che per i territori. L’etica, in questo contesto, è un prerequisito irrinunciabile, anche nel perseguimento del profitto.
A fare la differenza, piuttosto che le diverse modalità organizzative, devono essere l’oggetto dell’impresa e le finalità che si prefigge, mettendo al centro la dignità del lavoro come chiave per migliorare la persona dal punto di vista umano e culturale, crescere professionalmente, sostenersi economicamente. L’esperienza della cooperazione è imprescindibile, va difesa e rilanciata, soprattutto quella sociale. Ed è fondamentale il contributo di un sistema creditizio che sappia sostenere e promuovere, in maniera equa e sostenibile, un nuovo mercato. Chi è Enrico Fontana?
Nato a Roma nel 1958, è giornalista professionista dal 1988. Ha lavorato, nei primi anni Novanta, nei quotidiani Paese Sera e La Stampa e nel settimanale L’Espresso. E’ stato direttore del mensile di Legambiente La Nuova Ecologia, condirettore del quotidiano Terra, direttore del quotidiano on line paesesera.it e del mensile Nuovo Paese Sera. Dal 1994 al 2005 ha fatto parte della segreteria nazionale di Legambiente, come responsabile dell’Osservatorio nazionale Ambiente e Legalità, curando la redazione annuale del Rapporto Ecomafia. Dal 2000 al 2005 è stato vicepresidente dell’associazione Libera, con l’incarico di coordinare il lavoro sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie e il progetto Libera Terra. Dopo un’esperienza come consigliere regionale del Lazio, dal 2006 al 2010, è tornato a dedicarsi al lavoro di giornalista e all’impegno associativo.
Dal 2011 al maggio 2015 è stato presidente del Consorzio Libera Terra Mediterraneo, che raccoglie cooperative sociali impegnate nella gestione di terreni e beni confiscati alle mafie e da ottobre 2013 a giugno 2015 è stato coordinatore nazionale di Libera. Attualmente fa parte della segreteria nazionale di Legambiente, con l’incarico di responsabile nazionale Economia civile ed è vicepresidente del Consorzio Libera Terra Mediterraneo. E’ stato autore di diverse pubblicazioni tra cui “Ecomafia. I predoni dell’Ambiente”, scritto con Antonio Cianciullo (Editori Riuniti, 1995) e “Dark economy, la mafia dei veleni”, sempre con Antonio Cianciullo (Einaudi, 2012).


Fonte:
SBC Facebook

altro...

Saturday, May 12, 2018

Bene Comune L’Italia: Italia che succede? Italia che fare? 3° Incontro

 vedi

Il 3° appuntamento del ciclo "Bene Comune l'Italia. Che succede? Cosa Fare?" si svolgerà Giovedì 17 maggio 2018 alle 18:00 in via Dell'Orfanotrofio, 5 (sede SBC). Approfondiremo il concetto di Economia civile con Enrico Fontana.
La visione del rapporto mercato-società tipica dell'Economia Civile concepisce l'esperienza della socialità umana e della reciprocità all'interno di una normale vita economica, partendo dal presupposto che possano esistere principi "altri" dal profitto e dallo scambio strumentale.
La sfida dell'Economia Civile è quella di far coesistere, all'interno del medesimo sistema sociale, tutti e tre i principi regolativi o "dell'ordine sociale":
. principio dello scambio di equivalenti di valore: le relazioni si basano su un prezzo, che è l'equivalente in valore di un bene/servizio scambiato. Si tratta del principio che garantisce l'efficienza del sistema;
. principio di redistribuzione: per essere efficace, il sistema economico deve redistribuire la ricchezza tra tutti i soggetti che ne fanno parte per dar loro la possibilità di partecipare al sistema stesso. Si tratta del principio che garantisce l'equità del sistema;
. principio di reciprocità: è il principio fondante dell'Economia Civile ed è caratterizzato dalla presenza di tre soggetti (struttura triadica), di cui uno (homo reciprocans) compie un'azione nei confronti di un altro mosso non da "pretesa" di ricompensa dell'azione stessa, bensì da aspettativa, pena la rottura della relazione tra le due.


Fonte:
SBC Facebook

altro...

Friday, May 11, 2018

Incontro con Onorevole Sesa Amici. Lunedi 14 maggio sede SBC.

 vedi

Amici, Sesa (propr. Maria Teresa). - Donna politica italiana (nata a Sezze, LT, 1958).

Dopo la laurea in Filosofia, ha iniziato l’attività politica come consigliere comunale nella sua città, per poi ricoprire incarichi di direzione politica a livello provinciale, regionale e nazionale.
È stata: responsabile femminile regionale, responsabile organizzazione del PDS della Federazione romana e successivamente Segretario provinciale dei DS della Federazione di Latina. È stata eletta per la prima volta alla Camera dei Deputati nel 1994, rieletta nel 2001, 2006, 2009 e 2013 prima nelle fila del PDS e poi dei DS e del PD.
Dal 3 maggio 2013 al 12 dicembre 2016 è stata sottosegretario di Stato per i Rapporti con il Parlamento e coordinamento attività di Governo, prima del governo Letta e poi del governo Renzi.
Il 29 dicembre 2016 è stata nominata sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri nel governo Gentiloni.

L'11 aprile del 2018 è firmataria del “Towanda dem”, l’atto di ribellione delle donne Pd contro il Nazareno.
La ‘rivolta’ femminile deflagra con una lettera-appello che e’ uno spietato atto di accusa nei confronti dei colleghi maschi. A cominciare dall’ex segretario Matteo Renzi e dal presidente Matteo Orfini.
Durissime le accuse, condivise da circa 500 firmatarie: dalla violazione del principio della “parita’ effettiva a ogni livello”, contro lo statuto e nel silenzio degli organismi di controllo; all‘uso “cinico” delle pluricandidature femminili per far eleggere piu’ uomini; alle politiche di destra introdotte surrettiziamente, come la previsione del “dipartimento mamme” separato dal “dipartimento pari opportunità” o i temi controversi mutuati dalla destra e inseriti nei 100 punti del programma. Il risultato e’ sotto gli occhi di tutti: il Pd e’ oggi meno ‘rosa’ di M5s e Destra...

http://www.dire.it/11-0…/191794-pd-towandadem-rivolta-donne/
Il ruolo della donna in politica. Ne discuteremo Lunedì 14 maggio 2018 in sede SBC per il ciclo d'incontri "Bene Comune l'Italia, Cosa succede? Cosa fare?" Durante il corso del dibattito si farà una riflessione del post elezioni della Provincia di Latina.

Fonte:
SBC Facebook

altro...

Monday, April 30, 2018

Bene Comune L’Italia: Italia che succede? Italia che fare? 2° Incontro

 vedi

Il 2° Incontro pubblico promosso dal Movimento Politico SBC dal Titolo Bene Comune L'Italia, Che Succede? Cosa Fare? si svolgerà lunedì 14 maggio 2018 alle ore 18:00 in via Dell'Orfanotrofio, 5 a Sezze (Sede SBC) . Ospite l'On. M. Teresa Amici (detta Sesa)
Il dibattito relativo alla presenza delle donne in politica è sempre più attuale. Al fine di analizzare tale questione, che richiede interventi concreti ma anche un vero e proprio cambiamento di mentalità e cultura, è bene partire da una premessa. In molti Stati, tra cui l ‘Italia, le donne hanno acquisito i diritti politici solamente nel corso del XX secolo.
Ciò nonostante, tale riconoscimento appare più di forma che di sostanza, visto il perdurare in molti contesti della rappresentazione mentale secondo cui la politica non è “un affare da donne”....

Fonte:
SBC Facebook

altro...

Wednesday, April 25, 2018

Rem&Cap!

Durante la Sagra del Carciofo a Sezze...Acqua. Grazie Rem&Cap!

 vedi  vedi  vedi  vedi  vedi  vedi  vedi  vedi  vedi

Fonte:
SBC Facebook

altro...

Friday, April 20, 2018

Chi è Rossella Muroni?

 vedi

Romana, è stata presidente nazionale di Legambiente dal dicembre 2015.
Entra nell'associazione nel 1996 e nel 2007 ne diventa Direttrice generale.
Nel passato è stata impegnata nel movimento studentesco e dal 1994 al 1996 ha fatto parte dell'Unione degli Studenti come responsabile nazionale dello sportello legale CGIL dedicato agli studenti. Rossella è arrivata in Legambiente come volontaria nel settore comunicazione e ufficio stampa.
Negli anni è diventata responsabile e portavoce del settore campagne curando le principali attività di informazione e sensibilizzazione di Legambiente: da Goletta Verde al Treno Verde, da Spiagge e Fondali Puliti alla rete internazionale dei campi di volontariato ambientale.
Dal 1999 fa parte del direttivo di Legambiente e dal 2003 della segreteria nazionale dell'associazione.
Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell'ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali,
Rossella ha contribuito a numerose pubblicazioni associative tra cui: il Rapporto Ambiente Italia, il dossier Ecomafia, la Guida Blu, il Rapporto Ecosistema Urbano e alla stesura di opuscoli informativi e di brochure su diverse tematiche ambientali. Ha due bambini di 8 e 13 anni e pratica l'Aikido. Ecologista e deputata di Liberi e Uguali, di cui è stata coordinatrice della campagna elettorale 2018 di Liberi e Uguali.

 vedi

Lunedì 23 aprile ore 18:00 sarà in via dell'Orfanotrofio, 5 a Sezze per il primo appuntamento relativo al ciclo d'incontri promosso da SBC dal titolo Bene Comune L'Italia. Che succede? Cosa fare?

Fonte:
SBC Facebook

altro...

Thursday, April 19, 2018

Bene Comune L’Italia: Italia che succede? Italia che fare?

 vedi

BENE COMUNE L’ITALIA:
Che succede? Cosa fare?
Il movimento Sezze Bene Comune da inizio ad una serie di incontri dal titolo
“ Bene Comune l’Italia”.
Filo conduttore degli incontri sarà ciò che sta accadendo in Italia dal punto di vista politico e sociale e cosa fare per delineare un orizzonte al cammino del nostro Paese verso l’affermazione del diritto ai beni comuni.
Diversi saranno gli ospiti che porteranno il contributo di esperienza diretta su questioni quali la politica, l’economia civile, i diritti delle persone, lo sviluppo ecocompatibile, la difesa dei valori fondanti insiti nella costituzione, la sicurezza, la lotta alle mafie ed altri che andranno a costituire le basi fondanti di un progetto politico nuovo e civico.
Aprirà gli incontri, il 23 aprile alle ore 18,00 presso la sede di SBC in via Orfanotrofio n. 5, Rossella Muroni, romana, che è stata presidente nazionale di Legambiente dal dicembre 2015.
Entra nell'associazione nel 1996 e nel 2007 ne diventa Direttrice generale. Nel passato è stata impegnata nel movimento studentesco e dal 1994 al 1996 ha fatto parte dell'Unione degli Studenti come responsabile nazionale dello sportello legale CGIL dedicato agli studenti.
Rossella è arrivata in Legambiente come volontaria nel settore comunicazione e ufficio stampa.
Negli anni è diventata responsabile e portavoce del settore campagne curando le principali attività di informazione e sensibilizzazione di Legambiente: da Goletta Verde al Treno Verde, da Spiagge e Fondali Puliti alla rete internazionale dei campi di volontariato ambientale.
Dal 1999 fa parte del direttivo di Legambiente e dal 2003 della segreteria nazionale dell'associazione. Sociologa, esperta nei temi della sostenibilità ambientale nell'ambito turistico e di organizzazione dei servizi territoriali, Rossella ha contribuito a numerose pubblicazioni associative tra cui: il Rapporto Ambiente Italia, il dossier Ecomafia, la Guida Blu, il Rapporto Ecosistema Urbano e alla stesura di opuscoli informativi e di brochure su diverse tematiche ambientali. Ha due bambini di 8 e 13 anni e pratica l'Aikido.

Ecologista e deputata di Liberi e Uguali, di cui è stata coordinatrice della campagna elettorale 2018 di Liberi e Uguali.

Il Presidente Fabrizio Bonne-Annè

Fonte:
SBC Facebook

altro...

Thursday, April 19, 2018

I candidati alla Presidenza della Provincia di Latina

Le elezioni provinciali...

 vedi

Le elezioni provinciali che si svolgeranno il prossimo 29 aprile vedranno tre candidati sindaci con caratteristiche e obiettivi diversi e distinti tra loro. Nei giorni scorsi, abbiamo letto molte dichiarazioni e fino alla data dell’elezione, siamo certe che ne vedremo ancora delle belle.
Con la collega Contento, abbiamo potuto assistere direttamente alle dinamiche avvenute all’interno del coordinamento civiche pontine e già in una precedente nota abbiamo voluto evidenziare le modalità con cui si è arrivati alla doppia candidatura dei sindaci civici Coletta e Gervasi; questo per onestà intellettuale e per rigor di chiarezza. Allo stesso tempo, non volendo accettare il qualunquismo dilagante che si legge sui social e volendo fare uno sforzo oltre questo atteggiamento semplicistico e superficiale, corre l’obbligo di una riflessione in merito al significato di queste candidature.
E’ evidente che la figura di Carlo Medici sia la candidatura di un prodotto generato da un accordo politico pre-elettorale tra il PD e Forza Italia, un accordo d’establishment che non si discosta dalla gestione a cui abbiamo assistito fino ad oggi e che vede i soliti noti al gioco di una spartizione di potere senza considerare alcuna forma di dialogo all’interno dei partiti. Si decide in due e, tutti allineati devono eseguire gli ordini.
La Gervasi è l’espressione di un civismo campanilista di stampo populistico che ha trovato, con azioni alquanto discutibili, il modo per farsi candidare alla presidenza della provincia. Sono molto interessanti i post su facebook del “Gruppo di Sabaudia Zanzara Razionale” che la descrivono in una veste davvero curiosa, bucolica e poco rappresentativa dal punto di vista istituzionale.
Coletta è il terzo candidato e su di lui vorremmo spendere due parole in più. Per quanto discutibile da alcuni, è di fatto la figura politica più rappresentativa perché è l’unica candidatura in grado di accogliere una serie d’istanze provenienti da una varietà di mondi diversi. Il dialogo con altre forze politiche, basato sui contenuti e sulla visione strategica del territorio provinciale, pone le basi per affrontare questioni fondamentali e con tali obiettivi, i movimenti civici hanno il dovere di discutere in merito all’approccio metodologico che dovrebbero intraprendere, alla possibilità di contaminazione, di evolversi attraverso un processo di rigenerazione politica con nuove alleanze definite da principi riconoscibili nei valori che hanno mobilitato ed unito per il Bene Comune. Dare vita ad una forza politica innovativa, partecipativa e rigenerata nelle forme d’espressione e di comunicazione che i potenti mezzi tecnologici ci richiedono, senza essere populisti oppure nostalgici di partiti ormai al tramonto. Siamo ad un bivio, lo affermano statisti e filosofi che spiegano come i nuovi processi evolutivi della politica hanno tempi più veloci, al passo con le esigenze contemporanee. Un aspetto quest’ultimo che entra in conflitto con la necessaria esigenza di lentezza che serve alle comunità per creare momenti di empatica resilienza. Proprio il raffronto tra queste due velocità è la vera sfida della politica oggi, quella che deve rispondere ai veri bisogni delle comunità, trovando la sintesi tra i tempi immediati della comunicazione e quelli delle comunità resilienti.
All’interno di questo complesso scenario, la candidatura del sindaco della città capoluogo, alla carica di Presidenza della Provincia, si pone come figura politica rappresentativa di molti e con grande responsabilità sarà chiamato a dimostrare la capacità nel condurre in maniera equilibrata tale processo.
Auspichiamo nella sua intelligenza affinché ci sia il giusto approccio politico per una nuova fase da scrivere in questa Provincia, facendogli i complimenti per la nuova carica da vicepresidente del Neo Partito “L’Italia in Comune” ed augurandogli un sentito in bocca a lupo.
Buon voto a tutti!
Le Consigliere Comunali di Sezze Bene Comune

Rita Palombi – Eleonora Contento
Fonte:
SBC Facebook

altro...

Friday, April 6, 2018

Le Consigliere di SBC e l’elezioni Provinciali

 vedi

Come Consigliere del Movimento Civico SBC e avendo partecipato al Coordinamento delle Civiche Pontine da mesi, ci sentiamo chiamate a fare chiarezza su alcune vicende accadute durante il processo decisionale relativo alla candidatura per la Presidenza della Provincia di Latina.
In data 29 marzo 2018, con una comunicazione interna ai componenti del coordinamento delle civiche pontine, avevamo chiesto delucidazioni in merito alla possibile candidatura alla Presidenza della Provincia appresa da una notizia comparsa sul Quotidiano di Latina e riconducibile al sindaco di Sabaudia Giada Gervasi. La Nostra richiesta voleva essere lo spunto per un chiarimento relativo alle modalità di scelta del candidato alla Presidenza, nato senza alcuna discussione e condivisione da parte di tutte le forze civiche rappresentate nel Comitato di Coordinamento Provinciale che tante volte si sono incontrate per discutere e approfondire tematiche relative il territorio provinciale. Un Comitato di Coordinamento Civico rappresentato non solo da sindaci ma anche da molti consiglieri comunali provenienti da diversi Comuni sparsi nella Provincia.
Lo scorso martedì 03 aprile è stato possibile incontrare i Sindaci per comprendere le ragioni che ognuno di loro ha posto come intenzione alla possibile candidatura.
In quella riunione, abbiamo potuto apprendere che l’unica ragione per cui si dovrebbe preferire la Gervasi a Coletta sarebbe da ricondurre alla sua “espressa neutralità” rivendicata con una sorta di “primogenitura civica”, consolidata ed affinata nel tempo attraverso una marcata distanza da scelte legate alle ultime elezioni politiche e regionali. Tali motivazioni, da noi ritenute inconsistenti, hanno conquistato l’interesse di alcuni sindaci “civici” e fatto colpo sulla Lega di Salvini disposti a sostenere la Gervasi in questa tornata provinciale. Altra singolarità è riconducibile al fatto che i due sindaci civici che vogliono sostenere la Gervasi, non sono candidabili alla Presidenza della Provincia per ovvie ragioni legate a questioni di rinnovo delle cariche amministrative comunali.
Riteniamo che le motivazioni addotte in quella riunione, ovvero che se un candidato civico fosse appoggiato dalla destra è neutrale, se invece fosse sostenuto dal PD è di sinistra, siano poco credibili.
La candidatura del Sindaco di Sabaudia è stata ribadita in data odierna ed ha il sapore di una scelta di vertice evidenziata nelle dichiarazioni pubblicate dalla stampa e senza una condivisione interna al Coordinamento Civico. Come Sezze Bene Comune auspicavamo ad una scelta del candidato attraverso una discussione basata su contenuti programmatici per il territorio provinciale che il candidato Presidente, insieme al nuovo consiglio provinciale da eleggere a breve, avrebbero dovuto porsi come obiettivo.
Le Consigliere Comunali di SBC
Fonte:
SBC Facebook

altro...

Tuesday, April 3, 2018

Servizi al cittadino: dal 04 aprile 2018 presso sede SBC.

 vedi

SEZZE BENE COMUNE in collaborazione con COMITATO ACQUA E GESTIONE PUBBLICA apre uno sportello di informazione e assistenza i n merito alle partite pregresse di Acqualatina.
Si invitano i cittadini a presentare le fatture attuali e quelle degli anni precedenti .
I giorni e gli orari di apertura sono i seguenti:
A PARTIRE DA MERCOLEDI' 04 APRILE
Mercoledì 18:00 - 20:00
Sabato 10:00 - 12:00
Presso la sede di SBC
Via dell'Orfanotrofio, 5 - Sezze (LT) .

altro →